Templates by BIGtheme NET
Home / ATTUALITÀ / M5S – Stepchild adoption: uno vale ancora uno ?

M5S – Stepchild adoption: uno vale ancora uno ?

image_pdfimage_print

Il m5s fa marcia indietro sulla Stepchild adoption e rimescola le carte del destino della #LeggeCirinnà.
La decisione di “concedere” libertà di coscienza ai suoi senatori fa infatti cadere le certezze di chi contava sull’apporto deciso e compatto del m5s nella prossima votazione, per la gioia dei vari Giovanardi, Meloni, Formigoni, sul DDl Cirinnà.
Di diverso avviso sembrano invece gli elettori del movimento, quelli che dalla rete e sul territorio di fatto contribuiscono alla crescita del m5s e realizzano il suo obiettivo principale: la partecipazione diretta.
La base quindi, quella che ormai troppo spesso Grillo ed il suo staff dimenticano o trascurano.
Non è infatti la prima volta che il movimento da prova di non dare molta importanza al contatto e coordinamento con i suoi attivisti sul territorio. Si faccia attenzione, non si parla di considerarne la volontà quanto piuttosto la mancanza di un collante tra i vertici e la base. Un movimento politico come quello di Grillo, privo di una struttura organizzata, di sedi o circoli, non può non dotarsi di uno strumento alternativo per collegare le sue due anime, che faccia da riferimento. La rete non può e non deve essere utilizzata per questo.

M5S – Cambio di strategia: la reazione non si fa attendere

Grillo pubblica sul suo blog la nuova posizione ufficiale dei parlamentari e senatori, per la votazione al senato della prossima settimana sulla legge per le “Unioni Civili” ed in rete, ma non solo, cresce il malumore.
I sentimenti di chi segue e partecipa alla vita del m5s sono diverse e tutto di segno negativo: stupore, rabbia, tradimento, confusione, indignazione.
La posizione del movimento era nota da tempo: voto favorevole a tutto l’impianto della legga ma solo se non fosse stato modificato. Nel post invece Grillo e il suo staff chiama in causa le pressioni ricevute da “parte di elettori, iscritti e portavoce M5S su questo tema etico” lasciando “pertanto libertà di coscienza ai portavoce M5S “.
Ciò che non torna è proprio questo.
Le presunte richieste e pressioni, in pieno spirito grillino, sarebbero dovute essere rese note e soprattutto avrebbero dovuto portare in modo naturale alla consultazione online.
Gli assistenti di Grillo invece non lasciano alcuno spazio alla consultazione : “Non si fa ricorso a un’ulteriore votazione online perchè su un tema etico di questa portata i portavoce M5S al Senato possono comunque, in base ai dettami della loro coscienza, votare in maniera difforme dal gruppo qualunque sia il risultato delle votazioni.”

M5S : libertà di coscienza o mandato rappresentativo?

Da sempre l’Italia attende leggi che le consentano di uscire dal pantano sociale e culturale in cui l’hanno gettata anni di DC e ingerenza religiosa. La libertà di coscienza è stata sempre da un lato l’arma di chi vuole evitare la formazione di ciò che di fatto è una responsabilità politica, dall’altro lato invece la scusa di chi questa responsabilità non ha voluto assumerla preferendo la via più semplice.
La libertà di coscienza non si può però invocare sui diritti degli individui, è argomento politico, di crescita politica oltre che sociale.
Con questa decisione il movimento presta il fianco alle facili critiche di chi non lo descrive in grado di guidare un paese, di prendere decisioni. Soprattutto lascia spazio e meriti a chi, come Renzi ed il PD, sa gestire meglio le sue difficoltà oltre a godere di migliore stampa e inspiegabilmente minori pregiudizi.
Il vero problema per il m5s tuttavia non è questo. Il movimento di mostra incoerente con un aspetto principale della sua politica: il mandato rappresentativo.
La domanda spontanea, per chi segue o conosce il movimento, è sul come un politico chiamato unicamente a rappresentare i suoi elettori possa scegliere secondo coscienza. Come può la coscienza politica di un individuo rappresentare la volontà di altri? Se i politici grillini sono da considerarsi “dipendenti” dei propri elettori, accettare che scelgano secondo coscienza equivale a concedere ben più di una giornata di ferie. Il motto “uno vale uno” è sostituito da “uno vale se stesso” anche se su un argomento politico di forte sensibilità.

Le reazioni degli esponenti m5s – #iovotosi

La decisione non dev’essere stata apprezzata nemmeno da molti dei politici grillini i quali hanno lanciato subito l’hashtag “iovotosi”. Percependo il pericoloso clima di dubbio e incertezza, nonchè opportunismo, che il post di Grillo avrebbe generato han ben pensato di rendere palese la loro scelta. Hanno capito che la base avrebbe chiesto chiarimenti oltre che dettagli, non si sarebbe fermata all’esito delle future votazioni. La cosa più opportuna, a conferma delle critiche ricevute, sarebbe stata una votazione come fu fatta nel 2012. In quella votazione la stepchild adoption non c’era, è vero, ma c’è ora ed ora era, anzi è, possibile farne una nuova.
Il rimedio adottato da Taverna, Ferrara, ed altri, è una conferma della malattia. Laddove manca la chiarezza si adoperano per riportala.
Questa scelta conferma però anche altri aspetti della nostra critica.
Non sappiamo chi ha lanciato questo hashtag ma tra i ragazzi di Grillo forte è la voglia di stanare chi ha creato l’ennesimo imbarazzo sebbene alcuni si siano affrettati ad appoggiare la scelta dello staff.
Palese inoltre è il distacco tra la base e il fantomatico staff di Grillo – Casaleggio. Tra loro pare si pongano, come cuscinetto, i vari cittadini eletti ma non bastano. Il movimento pare conformarsi su tre diverse entità di cui soltanto la prima è chiamata a decidere i tempi ed i modi del dialogo interno.
Potrà reggere tutto ciò? Grillo ha detto di voler fare un passo di lato …. ma il suo staff?
Per il bene del m5s e dei suoi elettori sarebbe opportuno fare chiarezza e capire come affrontare la crescita di quella che sino ad ora è la migliore novità politica degli ultimi 30 anni?

Dr. Vincenzo Pone on FacebookDr. Vincenzo Pone on Linkedin
Dr. Vincenzo Pone
Dr. Vincenzo Pone
Dottore Commercialista e Revisore Contabile
Commercialista e Revisore Contabile con studio a Napoli e Cava de Tirreni (SA).
CEO di fiscoedintorni.com.

Appassionato di impresa e della sua organizzazione, è attento alle innovazioni e alle start-up.
Ambizione professionale : seguire e accompagnare l'evoluzione di una passione in idea e infine in un'impresa.

Nel tempo libero colleziona oggetti vintage e guarda il mondo insieme ad Alice.

2 commenti

  1. libertà di scelta, non facile da digerire dalla maggioranza delle persone. ci hanno lentamente abituato al pensiero unico. le divergenze di opinioni sembrano quasi pericolose. ricordiamo il significato di democrazia e riabituiamoci al significato di rispetto per le opinioni altrui. primo passo verso la rivoluzione ( un giro intorno a se stessi ).

  2. Non credo che il problema sia la libertà di scelta, quella va tutelata e anzi incoraggiata.
    Il problema è che nella logica del movimento i senatori ed i parlamentari sono legati ad un vincolo di programma. Non è un’aspetto legale ma semplicemente di regole adottate dal sistema liberamente scelto. Così facendo viene meno tutto il sistema. La libertà di scelta è stata garantita all’inizio di tutto, così rischia di implodere